Nuovi Padri #3 Paternità e Modernità

Nuovi padri – Una sfida di genere

1. Breve storia della figura paterna

1.3. Paternità e Modernità

Nella famiglia moderna il padre ha scarse interazioni dirette con i figli, soprattutto quando molto piccoli, ha principalmente un ruolo prescrittivo di norme e valori.

La transizione dall’età pre-moderna all’età moderna ha prodotto cambiamenti che influiscono tanto sulla figura paterna quanto su quella materna. Pensiamo all’apparente indifferenza nei confronti dei figli fino ad arrivare alla cultura della cura, ad una maggiore sensibilità pedagogica, fino alla espressione manifesta della affettività.

La via del cambiamento del padre è lunga e lenta: il padre moderno porta con sé i tratti della tradizione: il suo ruolo è ancora orientato all’esercizio della autorità e quindi alla trasmissione di norme e di valori. Ritroviamo – e sicuramente questo è valido anche per il nostro paese – un padre che ricorda molto da vicino quello ottocentesco: autoritario; severo; distaccato.

Invero, lo stabilizzarsi della modernità decreta un declino globale della autorità e, con l’instaurarsi delle democrazie, questa diminuisce anche all’interno delle famiglie: in questo contesto la riduzione agisce sulla autorità paterna.

La iper-specializzazione dei ruoli genitoriali, provocata e accelerata dalle rivoluzioni industriali, mostra i suoi primi risultati all’interno delle famiglie: le madri e i bambini nella sfera domestica e, i padri, lontani dall’ambiente familiare: perdita di autorità e conseguente “dissoluzione del padre”.

Secondo Parsons la differenziazione dei ruoli sessuali è funzionale non solo per motivi biologici ma proprio ad un buono sviluppo sociale. La madre agisce il ruolo di leader espressivo, occupandosi della cura e della affettività, mentre il padre agisce il ruolo di leader strumentale, ponte tra il mondo interno, la famiglia, e il mondo esterno, la società. Questo modello, riscontrabile nella famiglia del ceto medio urbano dei paesi occidentali degli anni Cinquanta, lascia sulle spalle del padre le vecchie funzioni di trasmissione di norme e valori e di preparazione all’ingresso alla società esterna, per i figli (quantomeno maschi).

Questo modello, con il supporto delle teorie sociologiche e psicologiche, sarà dominante per tutto il ventesimo secolo, e orienterà le politiche sociali verso la assegnazione dei compiti di cura alle donne e alla ripetizione per le figlie nel ruolo materno e di riproduzione.

Secondo lo scrittore e giornalista Maurizio Quillici, fino al ’68 la famiglia italiana riproduce uno stereotipo che è insieme il risultato delle aspirazioni del secolo precedente, dell’eredità del fascismo e della forte influenza della Chiesa cattolica e della Democrazia cristiana.

Nel nostro paese, il padre è l’unico percettore di reddito e ha conservato una parte della sua autorità soprattutto nelle zone rurali, nella provincia e nel meridione. Col boom economico il padre accentuerà maggiormente la sua dissoluzione – anche a causa della rivoluzione culturale del ’68 guidata dai movimenti delle femministe e dei giovani – e sarà, pertanto, molto impegnato nel lavoro, poco presente in famiglia e la sua autorità sarà pressoché formale.

Note: Anna Laura Zanatta, Nuove madri e nuovi padri. Essere genitori oggi, Il Mulino, Bologna, 2011

Dr Stefano Decandia / Assistente Sociale / Consultorio Maschile @ CoMa onlus

Consultorio Maschile @ CoMa onlus
Sede legale Via Pablo Neruda, 4 – Nuoro
Sede operativa Via Trento, 39 – Nuoro
370 110 3121 (anche WhatsApp)
consultoriomaschile@gmail.com
comaonlus.org
facebook @comaonlus

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...